UNIONE NATURISTI ITALIANI

Associazione Naturista Italiana Affiliata FENAIT
Telefono 011 5634232
email  info@unionenaturisti.org

infonaturista betulle fenait
inf fni
Come nacque l'Unione Naturisti Italiani Secondo fonti dalla Svizzera sembra che sia stato Enrico Chiesa, già socio della Unione Naturista Italiana di Lamberto Paoletti di Milano, il primo a proporre nel 1964 la fondazione di un'associazione naturista in Italia. Ne avrebbe parlato a René E. Kielinger (1906-1993) che, dal 1962 al 1968, fu Segretario generale della Federazione Naturista Internazionale (INF-FNI). Allora Chiesa aveva raccolto e iscritto alla federazione internazionale circa centocinquanta persone in Italia, e ciò costituiva già un peso eccessivo per lui essendo ultraottantenne. L'Associazione si sarebbe chiamata UNI (Unione Naturisti Italiani) a ricordo della prima UNI (Unione Naturista Italiana) fondata da Lamberto Paoletti". Lo spirito della nuova associazione non era più una generica accettazione di un modo di vivere naturale, ma i nuovi soci UNI avrebbero dovuto essere, per vocazione e convinzione, naturisti nel senso integrale della parola ossia si aspettavano dalla nuova unione la promozione dell'istanza nudista come essenziale del naturismo.

Il primo Statuto UNI
La prima stesura dello Statuto fu fatta nel corso di una "storica" riunione a casa di Monge con Tomaso Operti, presenti Achille Piodi, Franco Tenti, Carlo Garzena e altri. Infine fu eletto Presidente René E. Kielinger, Vicepresidente Michele Monge, Segretario Tomaso Operti e consiglieri gli altri. Così la nuova associazione poté venire in possesso dell'elenco dei soci individuali che uno per uno furono vagliati e quasi per la totalità ammessi a far parte della nuova Unione. Al posto di socio corrispondente per Milano fu nominato Severino Del Bo (Chiesa si era ritirato); per Genova fu nominato Giorgio Balbi; a Varese Franco Tenti e Luigi Fornera-Celli a Zurigo. Successivamente alla fondazione dell'UNI avvenuta a Zurigo l'8 Marzo 1964, il 10 Aprile 1969 l'assemblea dei soci deliberava il trasferimento della sede da Zurigo a Torino documentato da un atto notarile datato 17 settembre 1969, sottoscritto da Operti Tomaso, Ribolzi Gianfranco e Ragazzi Guido.

Tra gli scopi dell'Unione, è posta la divulgazione dell'idea naturista nel significato formale e sostanziale attribuitole dallo Statuto della Federazione Naturista Internazionale (INF-FNI); la possibile formazione futura di sezioni staccate dell'UNI e la futura costituzione di una Federazione Italiana inquadrata nell' organizzazione INF-FNI, che riunisca le associazioni naturiste italiane.
L'accenno specifico alla nudità integrale sancisce la precisa vocazione nudista dell'UNI, ciò che del resto sia Tomaso Operti che Gianfranco Ribolzi e Guido Ragazzi, che sono da annoverare tra i principali artefici dell'Unione, hanno sempre promosso.

Tom Operti e il Club Le Betulle
Tom Operti svolse un’importante opera sia per l’associazione sia per il club “Le Betulle”. Per lui un naturismo che non fosse anche nudismo non poteva coesistere, in quanto vivere secondo natura significa partire dal dato umano originario ed eterno, ossia dell'uomo nato nudo. D'altro canto, consapevole delle difficoltà che la pratica della nudità incontra nella nostra società, nei propri interventi egli ha cercato di far comprendere la moralità intrinseca e profonda della nudità naturale.
Uomo d'azione, comprese che il naturismo ed una società naturista si possono creare soltanto offrendo l'ambiente idoneo per praticare questa filosofia di vita. Perciò decise che era necessario offrire a queste persone un piccolo paradiso terrestre dove poter vivere in natura nello stato di nudità. In questo Tom trovò un valido alleato in Gianfranco Ribolzi (e nella consorte di questo, Luisa Mussa Ribolzi). Così nacque il centro naturista "Le Betulle", il primo club naturista italiano riconosciuto dalla Federazione Naturista Internazionale.

Agli inizi fu un’impresa pionieristica trasformare un terreno abbandonato in un ambiente vivibile senza nuocere alla natura, anzi migliorandola, inoltre non fu neppure semplice inserirsi socialmente con gli abitanti di La Cassa. Ma grazie alle sua doti di affabilità e gentilezza riuscì ad accattivarsi la simpatia della popolazione, della quale diventò in seguito un amico ed un simbolo.
Con il lavoro e la perseveranza "Le Betulle" è diventato un centro naturista di stile moderno ed europeo, immerso nel verde ai confini del parco naturale "La Mandria" a nord di Torino.

L'avere un ambiente naturista abitabile in Italia consentì a Tom di organizzare incontri e convegni che hanno portato in Italia molti dei maggiori esponenti del naturismo europeo. Grazie a questi incontri l'Italia naturista si fece conoscere all'estero al punto che, la Federazione Naturista Internazionale non esitò ad accettare l'invito di Tom Operti di ospitare l'11° Incontro Internazionale Naturista di Nuoto che ebbe nei giorni 8 e 9 novembre 1980 nella piscina comunale "Colletta" di Torino dove parteciparono 132 atleti di varie nazionalità (Germania, Olanda, Francia, Belgio, Austria, Inghilterra Svizzera e naturalmente Italia che porto atleti dell’ l'UNI, delll'ANITA di Milano, della Liburnia di Trieste e dell'Etruria di Roma.).
A proposito su “NATURISMO” del del novembre 1980 si scrisse: ” "L'incontro è in particolar modo il suggello di una politica naturista capillare, tenace, attuata dall'Unione Naturisti Italiani, un'opera rivolta verso il pubblico, verso le autorità, un'opera di interscambio culturale con i Paesi europei viciniori, un'opera coraggiosa di pionieri. È il premio che giustamente spetta al Presidente dell'UNI, Dott. Tomaso Operti, che con la perseveranza di un apostolo ha realizzato le tappe di una vera e propria escalazione del naturismo piemontese e italiano verso la sua ufficializzazione.. .".
In questo spirito di sensibilizzazione e divulgazione del naturismo vanno interpretate tutte le iniziative di promozione e culturali messe in atto dall’UNI.

Le iniziative UNI per la promozione e la divulgazione del Naturismo in Italia
Dalla ripetuta partecipazione al Salone Internazionale delle Vacanze di Torino, alla celebrazione dei "Venticinque anni di Naturismo in Piemonte" (25 anni UNI e 20 anni "Le Betulle" ) dove (il 28/5/1989 al Teatro Fregoli di Torino) di fronte ad una sala gremita di interessati, esponenti dell’Uni hanno prospettato la realtà naturista, confrontandosi con giornalisti ed autorità pubbliche torinesi.
Inotre l’Uni ha sempre promosso momenti di incontro di amicizia in ambito sportivo, dalle serate naturiste in palestra – piscina – sauna alla partecipazione a livello internazionale delle competizioni di nuoto e di petanque alla simpatica manifestazione sportiva "Strabetulle", nella quale giovani e meno giovani, ragazze e ragazzi, bambine e bambini si cimentano ogni anno nella corsa campestre naturista dove vincere è il ritrovarsi insieme in amicizia.
L’UNI inoltre ha promosso la formazione di gruppi e sezioni sul territorio italiano, da qui la nascita dell’UNI Lazio, dell’UNI Sud, dell’UNI Sardegna e del CCNI (Club Campeggiatori Naturisti d'Italia) ed oltre al citato Club Le Betulle sono parte dell’Uni anche Il Centro Naturista Cà Le Scope (Emilia Romagna) e il Club Le Peonie (Sardegna),  l'Agriturismo Terranera (Toscana) e Il Naturist Club Pizzo Greco.

Partecipazione dell' UNIONE NATURISTI ITALIANI all'organizzazione di eventi Naturisti internazionali in Italia.
In collaborazione alla FENAIT ha ha organizzato al centro Le Betulle:
3 Tornei Internazionali di Petanque INF nel 1983 ,1999, 2007
2 Incontri Internazionali dei Giovani Naturisti nel 2009 e nel 2012
1 EuNat Meeting (congresso Delle Federazioni Europpe) nel 2013

Inoltre ha attivamente contribuito attivamente alla realizzazione di tre Galà di Nuoto Naturista INF-FNI, i primi due (1980,2001) organizzati  alla piscina Colletta di Torino.
Il terzo nel 2016 Organizzato ad Andalo (TN) in collaborazione con l'Hotel Adler.
.